Pubblicitario, copista, ritrattista e paesaggista: un artista rivoltano racconta la sua intera vita trascorsa in compagnia di pennelli e tavolozza

80 anni compiuti – quarantatre dei quali vissuti a Rivolta – si considera giustamente a tutti gli effetti Rivoltano Franco Mellini, un Maestro d’arte che ha molto da raccontare ai suoi concittadini.

Originario della terra dei Gonzaga – di Viadana – e giunto in paese come funzionario del Consorzio Agrario Provinciale, si è subito fatto conoscere tra gli operatori locali del mondo agricolo e, forte del suo carattere estroverso e gioviale, non ha avuto difficoltà ad inserirsi ben presto nel tessuto sociale della comunità. Non tutti sanno, però, che Franco vanta un passato professionale nel mondo della pittura. Con una carriera legata al campo della pubblicità, le sue attività hanno spaziato in diversi settori dell’universo artistico.

«Ai miei tempi non esisteva il computer – racconta – e tutto il mondo della pubblicità era disegnato a mano. Tutto ciò che veniva stampato sui giornali, sulle riviste e che veniva fatto vedere in televisione era da metter giù con matite, pastelli e pennelli: si copiavano prodotti, si disegnavano personaggi, si creavano paesaggi».

Un mondo nel quale non possono certo mancare abilità, esperienza e disponibilità a carichi di lavoro estenuanti. «Si lavorava giorno e notte – spiega – la nostra competenza era molto ricercata, contavano sulle nostre competenze anche nel mondo industriale per progettare soluzioni di packaging fino ad arrivare al design vero e proprio di prodotti di svariati settori».

Nel suo curriculum si leggono collaborazioni nell’industria dell’utensileria come Black & Decker, in quella dell’automotive come Crysler, ma anche progetti portati a termine nel mondo dei cartoni animati con la Walt Disney.

Certo la competenza a Franco Mellini non è mai mancata: una formazione iniziata al Liceo Artistico “Toschi” di Parma e giunta fino al Diploma di Maestro d’Arte conseguito presso il rinomato Istituto d’Arte di Urbino.

«Poi un bel giorno ho scelto di lasciare la metropoli per permettere a me, alla mia famiglia – e soprattutto a mio figlio Sergio che nel frattempo era venuto alla luce – di condurre una vita meno frenetica, più tranquilla ed a contatto con la natura. Mi proposero di occuparmi di commercio agrario qui a Rivolta. Quando giunsi in paese e conobbi le bellezze di questo luogo, subito me ne innamorai. Da allora non lo lasciammo più».

Lasciata la città ed il mondo dell’arte professionale, Franco Mellini non ha però mai smesso di coltivare la passione che gli aveva dato da vivere fino a quel momento. In casa sua ha sempre riservato un posto ai cavalletti ed alle tele. Ed ogni angolo della sua abitazione parla di un’attività che non si è mai interrotta e che gli ha permesso di mantenere, seppur non più professionalmente, il suo status di artista.

La sua prima ammiratrice è senza dubbio la moglie Maria Caterina che, appunto, va orgogliosa delle numerosissime opere che arredano la sua casa. Ma il pubblico di Mellini è ben più ampio.

«Ho clienti in tutta Italia, ancora oggi sono molto richiesto. Ho fatto mostre a Rivolta e paesi limitrofi, partecipato a eventi fieristici compresi quelli organizzati dalla nostra Pro Loco, come “Arte in piazza”. Sono conosciuto anche mediante il passaparola di persone che ammirano le mie opere».

Paesaggi, ritratti, nature morte, persino copie di opere di grandi come Leonardo da Vinci. La Donna con l’ermellino, la Belle Ferronnière, ed anche la Ragazza con l’orecchino di perla di Johannes Vermeer, sono in bella vista – insieme ad oltre cento altre opere – nel soggiorno di casa ed in quello scrigno d’arte che è lo studio del pittore. «E mia moglie non mi permette di cederle per nulla al mondo», aggiunge orgoglioso.

I luoghi ritratti sulle tele sono perlopiù quelli del nostro territorio – che peraltro l’artista dimostra di conoscere molto bene – il fiume Adda, i boschi golenali, le cascine, le strade bianche, le rogge, i ruscelli, la flora e la fauna locale.

L’abilità copiativa e ritrattistica forgiata nel mondo della pubblicità non è mai venuta meno. Lo si legge osservando da vicino le sue opere: ogni particolare è trattato con minuziosa cura. «Le setole dei pennelli che utilizzo arrivano a misurare anche il diametro di un capello», ci spiega. E questo la dice lunga sull’attenzione che questo artista dedica alla cura dei particolari.

«Mi chiamano il “pittore dell’acqua”», ci dice. In effetti, in ogni paesaggio che vediamo ritratto dentro le sue cornici capeggia uno specchio d’acqua. Ma non è certo questo l’unico motivo che gli ha fatto guadagnare l’importante appellativo. «Dipingere l’acqua, in ogni sua espressione ed inclinazione, è una delle sfide più difficili per ogni pittore. Ed io posso sostenere di riuscire a vincerla ogni volta».

Prima di congedarci dalla graziosa chiacchierata che ci ha permesso di intrattenere in casa sua, ci confida il suo maggior rimpianto. «Penso spesso a cosa sarebbe stata la mia vita se avessi continuato la mia carriera nel mondo dell’arte – ci dice – ma nel contempo realizzo che quella scelta mi ha permesso di conoscere Rivolta, il suo territorio e la sua gente. Ed il rammarico per quell’esperienza interrotta diventa compiacimento per tutte le cose belle che io e la mia famiglia abbiamo vissuto e stiamo vivendo in questa comunità».

I Rivoltani non possono che andare orgogliosi di poter annoverare, tra le sue fila, artisti del calibro di Franco Mellini. Ed il titolo di Rivoltano può certamente ritenersi acquisito non solo per la lunga permanenza in paese, ma anche per i grandi meriti conquistati sul campo.

Per contattare l’artista:
Tel. 036377088
E-mail
franco.mellini41@gmail.com

Altri articoli

Quella del 26 novembre 2002 è una data che molti rivoltani faticano a dimenticare. Il racconto dei giorni drammatici dell'alluvione.
L'opera dell'artista Agostino Arrivabene è stata inaugurata con una cerimonia pubblica tenutasi sabato 12 Novembre 2022
Il filmato dell'evento tenuto Domenica 18 settembre 2022
Il filmato dell'evento tenuto in Piazza Vittorio Emanuele II lo scorso 17 Settembre 2022
Dal 29 Settembre 2022 al 14 Dicembre 2022 - ore 21,00 - Centro Socio-Culturale, Sala Giovanni XXIII
Un filmato che documenta la serata dal sapore medievale alla quale ha partecipato tutta la comunità la sera del 19 settembre 1998
Una bellissima preghiera scritta dal Prof. Eugenio Calvi ci trasmette in modo eloquente ed autentico i sentimenti che i Rivoltani nutrono nei confronti del loro Santo Patrono
Appuntamento domenica 26 giugno 2022 all'Arci Il Sole a partire dalle ore 18 fino a tarda sera
Festa della musica a suon di banda sulle nostre strade, appuntamento in piazza per sabato 25 Giugno. Lo spettacolo sarà presentato da Laura Magnani
Per la Festa della Musica spazio anche ai giovani dj rivoltani divenuti partner speciali di Pro Loco Rivolta
Uno dei gruppi rivoltani più longevi si esibirà giovedì in Piazza Ferri
In cartellone, da non perdere l’Appuntamento con l’opera, evento organizzato dall’Università del Ben-Essere di Rivolta d’Adda
Mini saggio della ripartenza, ma non solo. In scena gli allievi dei corsi musicali dell'associazione
Il noto gruppo rivoltano si esibirà con un concerto di canzoni originali in dialetto nella speciale location della Cùrt di Vàchi
Tanti gli eventi organizzati dalla Pro Loco in sinergia con numerose associazioni e gruppi locali
A Rivolta d'Adda, ancor oggi, ne possiamo ammirare molte testimonianze risalenti ad epoche diverse.
Le bellezze del nostro paese sono visitabili nell'ambito dell'iniziativa Giornate dei castelli, palazzi e borghi medievali promossa dall'Associazione Pianura da Scoprire
Ecco il nostro progetto per riscoprirlo, recuperlo e valorizzarlo
Il 17 marzo 1861 è il giorno che sancì la nascita del Regno d'Italia. I nomi dei 59 rivoltani che parteciparono alle Sette Campagne d'Indipendenza.
Questa parete traforata largamente presente presso le nostre cascine garantisce ventilazione ed arricchisce il decoro delle costruzioni. Chi ci sa dire a quale cascina rivoltana si riferisce l'esempio qui ritratto?
Brighella è una maschera popolare bergamasca della commedia dell'arte. Deve il suo nome al suo carattere vivace, attaccabrighe, insolente e dispettoso
Non ci sono notizie precise riguardo alle origini della Fiera di Sant’Apollonia, ma alcuni documenti d’archivio ne attestano l’esistenza già nell’800
Quest'anno, senza le tradizionali bancarelle della Fiera di Sant'Apollonia, ci mancheranno molte delle leccornie che, fin da bambini, siamo abituati a ricercare tra i suoi banchetti
Ripubblichiamo volentieri una lirica dedicata alla Fiera di Sant'Apollonia da Cesare Sottocorno e pubblicato sul giornale della Pro Loco Rivolta Mese nel febbraio 1997
I sentimenti dei Rivoltani DOC nei confronti della Fiera di Sant’Apollonia sono unici e ricordano il senso e l’importanza della propria storia e delle tradizioni nelle quali affondano le radici della comunità
Un filmato che documenta la cerimonia inaugurale dell’edizione della Fiera di 33 anni fa, suscita nostalgia ed emozione
Collocata in Porta San Michele, l’esposizione agricola si snodava nei pressi delle scuole. E le numerose osterie della zona diventavano luoghi nevralgici per le questioni di lavoro e per gli aspetti più ludici come, ad esempio, il gioco della mùrå.
L'esemplare opera di persuasione del Premier italiano andrà a buon fine?
La Santissima, compatrona di Rivolta d'Adda, alla quale è dedicata l'annuale Fiera agricola, ha una storia molto particolare ed il suo culto è diffuso fin dal Medioevo in tutta Europa.
In occasione della festività dedicata al Santo dal cantùn di Suori - che si celebra il 6 Febbraio - pubblichiamo un interessante articolo scritto dal Prof. Eugenio Calvi per la Voce di Sant'Alberto del Luglio 1992 che ci racconta momenti poco conosciuti della vita del Santo a Rivolta.
La "Giornata della Memoria" celebrata attraverso le opere di Giacomo Ghezzi. In questa pagina una lettura della mostra proposta da Cesare Sottocorno ed un Virtualtour dell'intera installazione.
Il suo tintinnare ha un sapore molto antico. Non evoca soltanto l'andatura degli animali che la indossano ma ci porta ad immaginare gli scenari più disparati. Porta con se' i significati più diversi.
Grazie al lavoro di alcuni volontari, la ProLoco ha promosso la realizzazione di una interessante pubblicazione multimediale dedicata ai siti di interesse turistico del nostro paese
Viaggio prenatalizio per 44 soci ProLoco alla scoperta delle bellezze partenopee
4 gennaio 2022 ore 3.29 antimeridiane. La campana ha suonato per GIACOMO GHEZZI artista, pittore, scultore amico
Conversazioni invernali tra Rivoltani a quattro zampe
Nel centenario della nascita, ricordiamo un concittadino che ha lasciato il segno a Milano ed a Crema per il suo impegno non solo ecclesiale, ma anche sociale e culturale
Storie, racconti, filastrocche e canzoni: davvero belli gli auguri dei nostri nonni!
Un memorabile concerto patrocinato anche dalla Pro Loco, ha degnamente celebrato l’anniversario
Si tratta di un progetto che i volontari della Pro Loco ritengono di portare avanti ogni anno con impegno e determinazione
Rispolverando gli Archivi di Stato è venuta alla luce una storia dimenticata ma curiosa
Traduzione e rielaborazione in dialetto di un testo, di autore anonimo, trovato in rete
Salmone affumicato con le tartine, tortelli di zucca, trota lessata nel bouillon con la maionese, budino di castagne, panettone e torrone: da Cremona a Rivolta, cercando di rispettare il rito
Molti di noi hanno a cuore la realizzazione del proprio presepio. 'l Baciàcul attende le foto delle vostre realizzazioni per pubblicarle
Da una vecchia cartolina viaggiata nel 1959 possiamo osservare lo stato dei luoghi dell'epoca all'incrocio tra Via Verdi e Via XXV Aprile
Nel dialetto rivoltano è il termine con cui si chiama il muschio, molto ricercato nel periodo natalizio
Con la CARD Natale Rivoltano 2021 puoi ottenere uno sconto del 10% sui tuoi acquisti con una spesa minima di 30 Euro
I complimenti del Santo Padre Francesco alla nostra nuova iniziativa editoriale
Il tradizionale premio della ProLoco assegnato nel corso di una cerimonia tenuta sabato 20 novembre presso l'atrio del Municipio alla presenza del Sindaco, del Presidente della BCC ed allietata dalle note del Gruppo Vocale "Terzo Suono"