Il Prevosto di Rivolta descrive le emozioni che si provano nell’ammirare l’opera che Agostino Arrivabene ha donato al suo paese natale in contrada Porta San Michele. E ripercorre i lineamenti biblici e teologici che l’artista ha tracciato nel corso della cerimonia di inaugurazione.

Vi sono ritornato in una mattina di sole per rivedere l’Assunta che la contrada ha voluto fosse di nuovo dipinta nella nicchia all’angolo fra via Quarterone e via Garibaldi. Vi sono tornato non solo per scrutarla meglio di quanto non abbia potuto fare il pomeriggio dell’inaugurazione, ma perché in un certo senso mi ci portato di nuovo il cuore.

Non apparteneva né ai miei desideri né ad esigenze pastorali la necessità di riprendere quell’immagine ma non ho potuto non condividere il pensiero dei contradaioli. Conosco già la loro devozione che si esprime nel rosario a vespro del 15 Agosto, solennità dell’Assunta, e l’attenzione per i contradaioli defunti con la celebrazione dell’Eucaristia.

Non credo che la nuova immagine voglia segnare un fronte, una linea, una sorta di possesso culturale, bensì penso esprima la volontà di riproporre un segno, un simbolo carico di contenuto religioso e umano. Abbiamo bisogno di simboli, viviamo di simboli, è da essi che traiamo ispirazione, sono i pezzi del futuro della nostra vita. Non sono i vetrini di un caleidoscopio che all’infinito continua scomporre e a ricomporre immagini che non sono nella realtà. I simboli non sono paragonabili nemmeno alle tante pagine aperte sullo schermo di un pc che una volta osservate non rimane altro che chiuderle nell’incompiutezza di sguardi estemporanei.

Per chi crede, Maria è l’intercedente per eccellenza, è la maestra di vita e non solo di obbedienza al Cristo, è segno, ancora, della gloria che ciascun cristiano attende. È segno delle ‘radici’ non solo storiche ma, insieme, umane, nelle quali si è cresciuti e dalle quali ha preso linfa vitale il nostro diventare grandi.

Ragioni, quest’ultime, ricordate dall’architetto Valentino Galli che con Marco Cagna hanno accompagnato il rifacimento dell’immagine. Ribadite da un ex contradaiolo importante, Giulio Facchetti, che ha ripercorso il senso dell’immagine sacra in diretto riferimento al dogma dell’Assunzione di Maria Vergine.

L’Assunta di Porta S. Michele fa ponte fra la basilica, dedicata anch’essa all’Assunta, e il ‘fuori porta’ che oggi rappresenta la maggior parte del borgo rivoltano, tendendo la mano per una condivisione di valori fondanti.

La composizione scelta dall’autore, Agostino Arrivabene, non obbedisce alla classica rappresentazione dell’Assunzione di Maria, sottolinea, invece, alcuni tratti della maternità che mi piace riprendere. Egli l’ha interpretata come una sorta di pietà rovesciata.

Sappiamo che la pietà, è la madre dolente con il figlio esanime non più in grembo ma sulle ginocchia, è l’immagine della maternità ferita. Non importano le ragioni delle ferite, – malattia, traversie, morte, ingratitudine… – la madre porta il figlio nel dolore, nel pensiero, nell’affetto nella preghiera. Qui, invece, è il Figlio che attraversata la morte, riprende la Madre e la porta ove è lui e ove saremo ciascuno di noi: Cristo è risorto dai morti, primizia di coloro che sono morti. Perché, se per mezzo di un uomo venne la morte, per mezzo di un uomo verrà anche la risurrezione dei morti. Come infatti in Adamo tutti muoiono, così in Cristo tutti riceveranno la vita. Ognuno però al suo posto: prima Cristo, che è la primizia; poi, alla sua venuta, quelli che sono di Cristo (1Cor 15,20-23).

Nella toccante presentazione della propria opera, Agostino Arrivabene, ha ricordato i motivi che lo hanno spinto a confezionare questo ex voto e a regalarlo alla contrada e a tutti i rivoltani. Vi si legge la storia di un figlio che ha ricercato una maternità di cui era orbato è l’ha ritrovata in Maria e in altre Marie, ed ora, il figlio omaggia la Madre con la propria fede e con la propria arte innalzandola a segno condiviso.

Esperienze di fede, quella dei contradaioli di Porta San Michele e quella di Agostino Arrivabene, che provocano la fede di una comunità.

Però, Maria è icona materna per chiunque, anche per il non credente, e non solo per le donne, al di là e al di sopra del figlio preteso o negato, del figlio comprato o venduto, del figlio sottratto al padre in concepimento o in vita. La pietà rovesciata di Porta San Michele ricorda ancora il dramma del figlio che ricerca la madre e la trova anche sotto la croce di fallimenti o di prepotenze che gli chiedono di rialzarne l’immagine dentro la propria coscienza e il proprio cuore.

Direi: le madri pensino ai figli che portano una corona di spine che non si sono scelta ma che hanno dovuto far propria, e i figli onorino loro stessi nella maternità di cui sono frutto. Maria la Madre che è anche figlia, vegli su tutti perché nessuno soccomba sotto la morte del non senso o della stupidità.

Grazie alla contrada di Porta S. Michele e ad Agostino Arrivabene insieme con il vivo compiacimento.

Don Dennis

Altri articoli

In occasione della festività dedicata al Santo dal cantùn di Suori - che si celebra il 6 Febbraio - pubblichiamo un interessante articolo scritto dal Prof. Eugenio Calvi per la Voce di Sant'Alberto del Luglio 1992 che ci racconta momenti poco conosciuti della vita del Santo a Rivolta.
Il Prevosto di Rivolta descrive le emozioni che si provano nell'ammirare l'opera che Agostino Arrivabene ha donato al suo paese natale
Quella del 26 novembre 2002 è una data che molti rivoltani faticano a dimenticare. Il racconto dei giorni drammatici dell'alluvione.
L'opera dell'artista Agostino Arrivabene è stata inaugurata con una cerimonia pubblica tenutasi sabato 12 Novembre 2022
Il filmato dell'evento tenuto Domenica 18 settembre 2022
Il filmato dell'evento tenuto in Piazza Vittorio Emanuele II lo scorso 17 Settembre 2022
Dal 29 Settembre 2022 al 14 Dicembre 2022 - ore 21,00 - Centro Socio-Culturale, Sala Giovanni XXIII
Un filmato che documenta la serata dal sapore medievale alla quale ha partecipato tutta la comunità la sera del 19 settembre 1998
Una bellissima preghiera scritta dal Prof. Eugenio Calvi ci trasmette in modo eloquente ed autentico i sentimenti che i Rivoltani nutrono nei confronti del loro Santo Patrono
Appuntamento domenica 26 giugno 2022 all'Arci Il Sole a partire dalle ore 18 fino a tarda sera
Festa della musica a suon di banda sulle nostre strade, appuntamento in piazza per sabato 25 Giugno. Lo spettacolo sarà presentato da Laura Magnani
Per la Festa della Musica spazio anche ai giovani dj rivoltani divenuti partner speciali di Pro Loco Rivolta
Uno dei gruppi rivoltani più longevi si esibirà giovedì in Piazza Ferri
In cartellone, da non perdere l’Appuntamento con l’opera, evento organizzato dall’Università del Ben-Essere di Rivolta d’Adda
Mini saggio della ripartenza, ma non solo. In scena gli allievi dei corsi musicali dell'associazione
Il noto gruppo rivoltano si esibirà con un concerto di canzoni originali in dialetto nella speciale location della Cùrt di Vàchi
Tanti gli eventi organizzati dalla Pro Loco in sinergia con numerose associazioni e gruppi locali
A Rivolta d'Adda, ancor oggi, ne possiamo ammirare molte testimonianze risalenti ad epoche diverse.
Le bellezze del nostro paese sono visitabili nell'ambito dell'iniziativa Giornate dei castelli, palazzi e borghi medievali promossa dall'Associazione Pianura da Scoprire
Ecco il nostro progetto per riscoprirlo, recuperlo e valorizzarlo
Il 17 marzo 1861 è il giorno che sancì la nascita del Regno d'Italia. I nomi dei 59 rivoltani che parteciparono alle Sette Campagne d'Indipendenza.
Questa parete traforata largamente presente presso le nostre cascine garantisce ventilazione ed arricchisce il decoro delle costruzioni. Chi ci sa dire a quale cascina rivoltana si riferisce l'esempio qui ritratto?
Brighella è una maschera popolare bergamasca della commedia dell'arte. Deve il suo nome al suo carattere vivace, attaccabrighe, insolente e dispettoso
Non ci sono notizie precise riguardo alle origini della Fiera di Sant’Apollonia, ma alcuni documenti d’archivio ne attestano l’esistenza già nell’800
Quest'anno, senza le tradizionali bancarelle della Fiera di Sant'Apollonia, ci mancheranno molte delle leccornie che, fin da bambini, siamo abituati a ricercare tra i suoi banchetti
Ripubblichiamo volentieri una lirica dedicata alla Fiera di Sant'Apollonia da Cesare Sottocorno e pubblicato sul giornale della Pro Loco Rivolta Mese nel febbraio 1997
I sentimenti dei Rivoltani DOC nei confronti della Fiera di Sant’Apollonia sono unici e ricordano il senso e l’importanza della propria storia e delle tradizioni nelle quali affondano le radici della comunità
Un filmato che documenta la cerimonia inaugurale dell’edizione della Fiera di 33 anni fa, suscita nostalgia ed emozione
Collocata in Porta San Michele, l’esposizione agricola si snodava nei pressi delle scuole. E le numerose osterie della zona diventavano luoghi nevralgici per le questioni di lavoro e per gli aspetti più ludici come, ad esempio, il gioco della mùrå.
L'esemplare opera di persuasione del Premier italiano andrà a buon fine?
La Santissima, compatrona di Rivolta d'Adda, alla quale è dedicata l'annuale Fiera agricola, ha una storia molto particolare ed il suo culto è diffuso fin dal Medioevo in tutta Europa.
La "Giornata della Memoria" celebrata attraverso le opere di Giacomo Ghezzi. In questa pagina una lettura della mostra proposta da Cesare Sottocorno ed un Virtualtour dell'intera installazione.
Il suo tintinnare ha un sapore molto antico. Non evoca soltanto l'andatura degli animali che la indossano ma ci porta ad immaginare gli scenari più disparati. Porta con se' i significati più diversi.
Grazie al lavoro di alcuni volontari, la ProLoco ha promosso la realizzazione di una interessante pubblicazione multimediale dedicata ai siti di interesse turistico del nostro paese
Viaggio prenatalizio per 44 soci ProLoco alla scoperta delle bellezze partenopee
4 gennaio 2022 ore 3.29 antimeridiane. La campana ha suonato per GIACOMO GHEZZI artista, pittore, scultore amico
Conversazioni invernali tra Rivoltani a quattro zampe
Nel centenario della nascita, ricordiamo un concittadino che ha lasciato il segno a Milano ed a Crema per il suo impegno non solo ecclesiale, ma anche sociale e culturale
Storie, racconti, filastrocche e canzoni: davvero belli gli auguri dei nostri nonni!
Un memorabile concerto patrocinato anche dalla Pro Loco, ha degnamente celebrato l’anniversario
Si tratta di un progetto che i volontari della Pro Loco ritengono di portare avanti ogni anno con impegno e determinazione
Rispolverando gli Archivi di Stato è venuta alla luce una storia dimenticata ma curiosa
Traduzione e rielaborazione in dialetto di un testo, di autore anonimo, trovato in rete
Salmone affumicato con le tartine, tortelli di zucca, trota lessata nel bouillon con la maionese, budino di castagne, panettone e torrone: da Cremona a Rivolta, cercando di rispettare il rito
Molti di noi hanno a cuore la realizzazione del proprio presepio. 'l Baciàcul attende le foto delle vostre realizzazioni per pubblicarle
Da una vecchia cartolina viaggiata nel 1959 possiamo osservare lo stato dei luoghi dell'epoca all'incrocio tra Via Verdi e Via XXV Aprile
Nel dialetto rivoltano è il termine con cui si chiama il muschio, molto ricercato nel periodo natalizio
Con la CARD Natale Rivoltano 2021 puoi ottenere uno sconto del 10% sui tuoi acquisti con una spesa minima di 30 Euro
I complimenti del Santo Padre Francesco alla nostra nuova iniziativa editoriale