Un’utile ed interessante guida del Prof. Cesare Sottocorno per conoscere ed apprezzare la preziosa ancona quattrocentesca di Bongiovanni de’ Lupi che dal 13 novembre 2021 è visitabile presso il Museo Diocesano di Cremona

Agli inizi del Novecento, mentre fervevano i restauri per riportare alle antiche forme romaniche la basilica di Rivolta d’Adda, Diego Sant’Ambrogio che seguiva i lavori per conto di alcuni quotidiani del tempo, scriveva d’aver rinvenuto un’importante opera d’arte in una chiesetta poco lontana dal paese.

Per gli amici dei monumenti e per gli studiosi, segnaliamo l’esistenza nell’Oratorio del Paladino, a tre chilometri da Rivolta d’Adda, di un’ancona intagliata e dorata, delle dimensioni di metri 1,70 per un’altezza di metri 1,90 della fine del XV secolo ed in ottimo stato di conservazione”. (1)

In un successivo articolo le caratteristiche della pala venivano presentate in modo dettagliato. L’autore metteva in rilievo la predominanza delle dorature e il particolare utilizzo del colore per le sottovesti della Vergine e di San Giuseppe e per i volti e le mani dei personaggi. Si passava poi alla descrizione del portale che occupa la parte centrale dell’opera e dal quale sporgono le teste dell’asino e del bue protese verso il Bambino Gesù adagiato in una cesta di vimini. La Vergine a sinistra e San Giuseppe a destra, modellati dall’artista con mastice e gesso, sono rappresentati in atto di adorazione. I volti e le mani che risultavano colorati in modo delicato con tinte rosee e le vesti dei personaggi sono ritornati, dopo un attento lavoro di pulitura, a splendere in tonalità così vivaci da sorprendere il visitatore.

Assistono alla scena della nascita alcuni angeli dalle voluminose capigliature a forma di alta corona secondo l’uso tedesco. Il loro abbigliamento è intagliato e dipinto con accuratezza. Sullo sfondo ci sono due pastori: uno ritto in piedi, l’altro accasciato e gozzuto (parola utilizzata, un tempo, quale soprannome per la gente di Rivolta d’Adda) con un lungo bastone a guardia del gregge. Lontano, sulla cima di alcune colline si intravedono castelli, torri ed edifici diversi su uno dei quali è appollaiata una cicogna.

Il nome dell’autore e la data dell’opera sono stati abilmente incisi sulla parte bassa di questo capolavoro dell’arte lignea: “BONIOHANES DE LUPI DE LAUDE INTALIAVIT PINXIT ET DORAVIT MCCCCLXXX”.

Di Bongiovanni della famiglia de Lupi di Lodi, abili intagliatori e doratori, è rimasto solo questo lavoro.

Le altre sue pale sono andate perdute nel corso dei secoli. Un fulmine colpì e incendiò nel 1632 la pala che adornava il presbiterio della chiesa degli Olivetani di Villanova di Sillaro. Un’altra sua scultura che era stata sull’altare maggiore della chiesa di San Girolamo a Milano finì dispersa con la soppressione dei frati Gesuiti avvenuta nel 1668.

Dell’attività dei fratelli Bongiovanni e Giovanni Bassiano, intagliatori e doratori lodigiani, sono giunti fino a noi un polittico in legno del 1474 realizzato per la Collegiata di Santa Maria Assunta a Borgonovo Valditaro e i lavori di intaglio policromo che attorniano l’affresco della Beata Vergine Incoronata nell’omonimo tempio in Lodi, ora raccolti nel Museo Civico della città.

Il dottor Pilade Clara, medico condotto del paese, nel suo peregrinare di cascina in cascina si sarà sicuramente fermato, più di una volta, ad ammirare il lavoro di Bongiovanni de Lupi “ritenuto pregevolissimo dai pochi intenditori che l’hanno osservato” così che ne descrisse, con l’intento di farlo conoscere, i particolari sul periodico “Cremona”.

L’ancona scolpita sta sopra l’altare maggiore di fronte all’ingresso, e chi entra in chiesa, è colpito dalla sua doratura splendente, solleva ad essa gli occhi, rimane subito piacevolmente impressionato dal bel quadro d‘ insieme che essa presenta. Forse osservata poi più minutamente da vicino potrà per taluno presentare delle mende, quali la fattura un po’ bambolesca di qualche personaggio, la durezza ed eccessiva rigidità di qualche altro, ecc.; ma vista a quella distanza ed abbracciata dall’occhio nell’insieme, appare come una scena armoniosa, gradevole, spirante pace ed una serenità, veramente degne del presepe che raffigura”. (2)

Negli anni settanta del secolo scorso quello che tutti conoscevano come “Il presepio del Paladino” è stato preso di mira dai ladri. Sono così andate perdute la corona della Vergine, la preziosa stella cometa e due angeli che sorreggevano due candelabri ed erano collocati ai piedi dell’opera.

Il parroco di allora mons. Angelo Cattaneo prese la decisione, pur tra i malumori e le proteste della gente delle cascine vicine, di collocare in un luogo sicuro il capolavoro di Bongiovanni de Lupi salvandolo così dalle attenzioni di “amici dei monumenti e di studiosi” interessati, a questo “pregevolissimo lavoro” per motivi non propriamente artistici.

(1) Sant’Ambrogio Diego, in “Lega Lombarda”, 28 aprile 1903, n. 113.
(2) Clara Pilade, Un presepe quattrocentesco, in “Cremona”, anno II, dicembre 1930, pag. 978.

. . . o o o O O O o o o . . .

Fotografie fornite dal Museo Diocesano di Cremona e pubblicate per gentile concessione dell’Ufficio per i Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Cremona

La ProLoco di Rivolta d’Adda si è dotata di una riproduzione fotografica dell’ancona a grandezza naturale che verrà esposta al pubblico nelle occasioni dedicate alle visite ai monumenti rivoltani. La riproduzione è conservata presso la sede dell’Associazione.

Altri articoli

Il Prevosto di Rivolta descrive le emozioni che si provano nell'ammirare l'opera che Agostino Arrivabene ha donato al suo paese natale
Quella del 26 novembre 2002 è una data che molti rivoltani faticano a dimenticare. Il racconto dei giorni drammatici dell'alluvione.
L'opera dell'artista Agostino Arrivabene è stata inaugurata con una cerimonia pubblica tenutasi sabato 12 Novembre 2022
Il filmato dell'evento tenuto Domenica 18 settembre 2022
Il filmato dell'evento tenuto in Piazza Vittorio Emanuele II lo scorso 17 Settembre 2022
Dal 29 Settembre 2022 al 14 Dicembre 2022 - ore 21,00 - Centro Socio-Culturale, Sala Giovanni XXIII
Un filmato che documenta la serata dal sapore medievale alla quale ha partecipato tutta la comunità la sera del 19 settembre 1998
Una bellissima preghiera scritta dal Prof. Eugenio Calvi ci trasmette in modo eloquente ed autentico i sentimenti che i Rivoltani nutrono nei confronti del loro Santo Patrono
Appuntamento domenica 26 giugno 2022 all'Arci Il Sole a partire dalle ore 18 fino a tarda sera
Festa della musica a suon di banda sulle nostre strade, appuntamento in piazza per sabato 25 Giugno. Lo spettacolo sarà presentato da Laura Magnani
Per la Festa della Musica spazio anche ai giovani dj rivoltani divenuti partner speciali di Pro Loco Rivolta
Uno dei gruppi rivoltani più longevi si esibirà giovedì in Piazza Ferri
In cartellone, da non perdere l’Appuntamento con l’opera, evento organizzato dall’Università del Ben-Essere di Rivolta d’Adda
Mini saggio della ripartenza, ma non solo. In scena gli allievi dei corsi musicali dell'associazione
Il noto gruppo rivoltano si esibirà con un concerto di canzoni originali in dialetto nella speciale location della Cùrt di Vàchi
Tanti gli eventi organizzati dalla Pro Loco in sinergia con numerose associazioni e gruppi locali
A Rivolta d'Adda, ancor oggi, ne possiamo ammirare molte testimonianze risalenti ad epoche diverse.
Le bellezze del nostro paese sono visitabili nell'ambito dell'iniziativa Giornate dei castelli, palazzi e borghi medievali promossa dall'Associazione Pianura da Scoprire
Ecco il nostro progetto per riscoprirlo, recuperlo e valorizzarlo
Il 17 marzo 1861 è il giorno che sancì la nascita del Regno d'Italia. I nomi dei 59 rivoltani che parteciparono alle Sette Campagne d'Indipendenza.
Questa parete traforata largamente presente presso le nostre cascine garantisce ventilazione ed arricchisce il decoro delle costruzioni. Chi ci sa dire a quale cascina rivoltana si riferisce l'esempio qui ritratto?
Brighella è una maschera popolare bergamasca della commedia dell'arte. Deve il suo nome al suo carattere vivace, attaccabrighe, insolente e dispettoso
Non ci sono notizie precise riguardo alle origini della Fiera di Sant’Apollonia, ma alcuni documenti d’archivio ne attestano l’esistenza già nell’800
Quest'anno, senza le tradizionali bancarelle della Fiera di Sant'Apollonia, ci mancheranno molte delle leccornie che, fin da bambini, siamo abituati a ricercare tra i suoi banchetti
Ripubblichiamo volentieri una lirica dedicata alla Fiera di Sant'Apollonia da Cesare Sottocorno e pubblicato sul giornale della Pro Loco Rivolta Mese nel febbraio 1997
I sentimenti dei Rivoltani DOC nei confronti della Fiera di Sant’Apollonia sono unici e ricordano il senso e l’importanza della propria storia e delle tradizioni nelle quali affondano le radici della comunità
Un filmato che documenta la cerimonia inaugurale dell’edizione della Fiera di 33 anni fa, suscita nostalgia ed emozione
Collocata in Porta San Michele, l’esposizione agricola si snodava nei pressi delle scuole. E le numerose osterie della zona diventavano luoghi nevralgici per le questioni di lavoro e per gli aspetti più ludici come, ad esempio, il gioco della mùrå.
L'esemplare opera di persuasione del Premier italiano andrà a buon fine?
La Santissima, compatrona di Rivolta d'Adda, alla quale è dedicata l'annuale Fiera agricola, ha una storia molto particolare ed il suo culto è diffuso fin dal Medioevo in tutta Europa.
In occasione della festività dedicata al Santo dal cantùn di Suori - che si celebra il 6 Febbraio - pubblichiamo un interessante articolo scritto dal Prof. Eugenio Calvi per la Voce di Sant'Alberto del Luglio 1992 che ci racconta momenti poco conosciuti della vita del Santo a Rivolta.
La "Giornata della Memoria" celebrata attraverso le opere di Giacomo Ghezzi. In questa pagina una lettura della mostra proposta da Cesare Sottocorno ed un Virtualtour dell'intera installazione.
Il suo tintinnare ha un sapore molto antico. Non evoca soltanto l'andatura degli animali che la indossano ma ci porta ad immaginare gli scenari più disparati. Porta con se' i significati più diversi.
Grazie al lavoro di alcuni volontari, la ProLoco ha promosso la realizzazione di una interessante pubblicazione multimediale dedicata ai siti di interesse turistico del nostro paese
Viaggio prenatalizio per 44 soci ProLoco alla scoperta delle bellezze partenopee
4 gennaio 2022 ore 3.29 antimeridiane. La campana ha suonato per GIACOMO GHEZZI artista, pittore, scultore amico
Conversazioni invernali tra Rivoltani a quattro zampe
Nel centenario della nascita, ricordiamo un concittadino che ha lasciato il segno a Milano ed a Crema per il suo impegno non solo ecclesiale, ma anche sociale e culturale
Storie, racconti, filastrocche e canzoni: davvero belli gli auguri dei nostri nonni!
Un memorabile concerto patrocinato anche dalla Pro Loco, ha degnamente celebrato l’anniversario
Si tratta di un progetto che i volontari della Pro Loco ritengono di portare avanti ogni anno con impegno e determinazione
Rispolverando gli Archivi di Stato è venuta alla luce una storia dimenticata ma curiosa
Traduzione e rielaborazione in dialetto di un testo, di autore anonimo, trovato in rete
Salmone affumicato con le tartine, tortelli di zucca, trota lessata nel bouillon con la maionese, budino di castagne, panettone e torrone: da Cremona a Rivolta, cercando di rispettare il rito
Molti di noi hanno a cuore la realizzazione del proprio presepio. 'l Baciàcul attende le foto delle vostre realizzazioni per pubblicarle
Da una vecchia cartolina viaggiata nel 1959 possiamo osservare lo stato dei luoghi dell'epoca all'incrocio tra Via Verdi e Via XXV Aprile
Nel dialetto rivoltano è il termine con cui si chiama il muschio, molto ricercato nel periodo natalizio
Con la CARD Natale Rivoltano 2021 puoi ottenere uno sconto del 10% sui tuoi acquisti con una spesa minima di 30 Euro
I complimenti del Santo Padre Francesco alla nostra nuova iniziativa editoriale